Posts Tagged ‘morte’

Piermario Morosini: memorie da un social network

La morte tragica, sul campo, di Piermario Morosini ha sconvolto tutti. Le sequenze video dell’accaduto stanno facendo il giro del mondo, così come la sua storia, tragica fin dagli anni dell’adolescenza. I messaggi di saluto stanno riempiendo i social network così come le pagine dei quotidiani, in un cordoglio sostanzialmente unanime, al quale sento di unirmi.

Piermario Morosini, come tanti ragazzi della sua età, aveva una pagina su Twitter. Che, in questo momento, si è trasformata in una sorta di lapide virtuale, una specie di diario – sarà un caso che la nuova pagina di Facebook si chiama così? – dove è possibile capire un po’ meglio chi fosse l’ex calciatore del Livorno. Dai viaggi, al rapporto con la fidanzata, passando per gli amici. Una vita normale che, in una situazione fuori dall’ordinario come questa, finisce per fare notizia.

Una questione che apre un discorso più ampio. Cosa succede sui social network dopo la morte? Ci aspetta una sorta di vita eterna virtuale? La situazione cambia a seconda del social preso in considerazione. Twitter, ad esempio, consente di eliminare l’account, ma di conservare i tweets della persona deceduta, previa autorizzazione della famiglia. Facebook, invece, permette di creare una sorta di macabra lapide virtuale, attraverso un modulo chiamato memorializing, che consente di conservare la pagina senza possibilità di aggiornare gli status. Solo ultimamente è stata aggiunta la possibilità di chiedere la cancellazione del profilo. Fino a poco tempo fa, non era possibile, nemmeno su richiesta dei familiari della persona deceduta, rimuovere il contatto.

Ma Internet, si sa, ha mille risorse. MyWebWill, sito chiuso a fine 2011, permetteva di prendere decisioni su cosa fare dei propri accounts una volta passati a miglior vita. Un testamento virtuale, che consentiva cose francamente impensabili. Ad esempio, si poteva decidere di passare il proprio Farmville a un amico, o di preparare l’ultimo tweet, una sorta di macabro ultimo saluto. Adesso restano servizi come Legacy, provider di memoriali online e MyDeathSpace, bacheca che raccoglie le morti dai social network.