Posts Tagged ‘fbi’

Torna Megavideo, parola di Kim Dotcom

“Il SOPA è morto. Il PIPA è morto. L‘ACTA è morto. MEGA tornerà. Più grande. Migliore. Più veloce. Libero di caricare e protetto dagli attacchi. Evoluzione!”. Parole e musica di Kim Schmitz – Kim Dotcom per tutti – noto per essere il fondatore di Megaupload e Megavideo, tra le più grandi piattaforme di sharing video e file su Internet. Chiusa a gennaio dall’Fbi, la piattaforma Mega potrebbe tornare più forte di prima. E’  Twitter il mezzo scelto da Schmitz per la comunicazione che, in un paio di giorni, ha fatto il giro del social, ricevendo circa 10.000 retweets. Ma torniamo un po’ indietro.

Dotcom è, al momento, libero su cauzione, dopo l’arresto di gennaio con l’accusa di violazione reiterata del copyright. Su di lui, tuttavia, pende una taglia da 175 milioni di dollari, la cifra che gli Stati Uniti vorrebbero fargli pagare per il reato commesso. Il fondatore di Megavideo si è sempre dichiarato innocente, sostenendo che la responsabilità dei file non andasse attribuita a lui, semplice gestore del sito ospitante, ma agli utenti che condividevano i file.

Da tre settimane, Kim Schmitz è su Twitter. Poco, direte voi. Il tempo necessario per racimolare circa 60.000 followers ed ergersi a paladino della lotta contro la censura del Web. E per alzare un polverone con la dichiarazione di cui sopra, sul ritorno della sua creatura. Presupposto, gli ostacoli che le varie leggi che hanno tentato di regolarizzare il settore stanno incontrando.

Dotcom sembra determinato. Intanto, ha annunciato il lancio di Megabox, un servizio potenzialmente rivoluzionario. Ma, stavolta, perfettamente legale. In sostanza, un contenitore musicale per gli artisti e le band, che potranno mettere in vendita i loro brani e i loro album senza passare attraverso le etichette discografiche. Ottenendo, così, prezzi di distribuzione più bassi e potendo trattenere il 90% del ricavato, contro il 10% che Dotcom terrebbe per sé.

Annunci