Se Anonymous oscura Beppe Grillo…

La notizia è semplice, ne abbiamo sentite tante simili negli ultimi mesi. Anonymous, il più noto gruppo di hacker, ha oscurato il blog di Beppe Grillo. Ma come? Beppe Grillo? E cosa c’entra? Il gruppo di cyberattivisti del Web si è reso famoso con gli attacchi al Vaticano, al sito della Fbi e a quello del Governo americano. Perchè attaccare un uomo che, nonostante tutte le sue contraddizioni, ha contribuito a fondare un movimento che fa dell’attivismo concreto il suo punto di forza?

Partiamo dall’inizio. Comincia tutto ieri sera, il blog di Beppe Grillo non si apre, non funziona. E’ lo stesso comico a lanciare l’allarme su Twitter, smentendo la responsabilità del più famoso gruppo di hacker al mondo. “L’attacco al sito NON é opera di  Anonymous. Chiedo aiuto alla Rete per identificare il gruppo che ha bloccato il sito”. Sembra preso alla provvista. Colpito da un attacco che, sicuramente, non si aspettava di ricevere.

Contemporaneamente, Anonymous rilascia una sua versione dei fatti: “Salve Beppe Grillo – si legge nel messaggio – Anonymous oggi ha deciso di regalarti un po’ della sua attenzione. Il semplice fatto che l’accesso alle tue liste sia proibito agli stranieri, che tu sia un populista che cerca di raccogliere consensi senza arte ne’ parte e che per piu’ volte ha magistralmente eseguito il saluto romano al tuo seguito e ai media, sostenendo la politica di repressione fascista, basterebbe per giustificare il perche’ di tanto accanimento”.

Motivazioni abbastanza pretestuali, a dir la verità. Che spingono Anonymous a sottolineare come l’attacco sia stato opera solo di una parte del gruppo. “E’ un’azione che puo’ essere rivendicata da Anonymous e come tutte le azioni di Anonymous e’ sostenuta da alcuni ma non da tutti”. Fa sorridere che un cybergruppo che combatte per il Web libero attacchi uno dei più arditi sostenitori italiani di questa visione del mondo. L’alfiere della nuova democrazia digitale, dei referendum 2.0. Colpito per quella vena di populismo che tanto fa gridare allo scandalo anche i media tradizionali.

C’è una frase a cui viene da pensare analizzando questo evento. La pronuncia Edoardo De Crescenzo in “Così parlò Bellavista”. E’ la scena in cui Cazzaniga, milanese a Napoli, si lamenta della rigidità della moglie tedesca. “Si è sempre i meridionali di qualcuno…” sospira De Crescenzo/Bellavista. C’è sempre qualcuno più “contro” o più “anticonformista” di te. Anche se ti chiami Beppe Grillo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: