Twittare fa bene all’italiano: ecco perchè

Se i media influenzano davvero il nostro modo di comportarci, allora siamo destinati a pensare in 140 caratteri. Twitter, il social che più di ogni altro definisce l’agenda degli altri, spinge alla sintesi, ancor più dei “vecchi” sms.  Ma cosa succede all’italiano? Alla lingua intesa come grammatica, sintassi? “L’italiano è vitale – spiega a Quotidiano.net Vera Gheno, dell’Accademia della Crusca – si adatta al nuovo medium. La scrittura non ne risente, anzi, Twitter è proprio una buona palestra di sintesi”.

C’è il rischio di banalizzare, urla qualcuno. Lo aveva fatto Serra su Repubblica, sottolineando come le modalità di espressione del medium portassero ad esprimere considerazioni decise senza approfondire. O bianco o nero, in altre parole. La brevità, in questa visione, significa scarsa consapevolezza.

Ma se lo spazio ridotto portasse ad aguzzare l’ingegno? Sintetizzare sì, ma cercando di essere sempre acuti, evitando, ad esempio, la sintassi degli sms. “Se il limite dei caratteri fosse un vero ostacolo – conferma Elena Pistolesi, ricercatrice di Linguistica all’Università di Modena e Reggio Emilia –  si osserverebbe un fiorire di abbreviazioni nella scrittura. Ma non succede”.

Addirittura, Twitter non sarebbe dispiaciuto a qualcuno dei padri della nostra letteratura. “Sarebbe piaciuto a Calvino – conclude Gheno –. Nelle sue “Lezioni americane” si domandava come scrivere in maniera breve e il social network avrebbe saputo stimolarne l’inventiva”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: